Per presentarsi diceva di sè...

Ho trascorso un'infanzia felice. Passata soprattutto attorno alla mia casa. Ho giocato fin da piccolo con la terra e l'acqua. Non è di tutti i bambini potersi sporcare in mezzo a piccoli fossetti d'acqua che portano da bere, in luglio, ai peschi o ai fagiolini rampicanti. Oppure avere un banco con gli attrezzi da falegname, con cui potersi costruire giocattoli di legno. Ora, a 50 anni, vivo nella cosiddetta bioregione Romagna vicino a Cesena. Il mio attuale lavoro, da 12 anni, è fare il Dirigente Scolastico dopo aver fatto, per 16 anni il maestro di scuola materna. Mi piace una scuola creativa, attenta all'ecologia pratica, alle abilità manuali, alle lingue locali, alla multiculturalità. Ho promosso la diffusione degli orti nelle scuole. Amo disegnare e dipingere. Per passione faccio burattini nella compagnia teatrale Baracca & Burattini. Sono fra i fondatori dell'Ecoistituo di Cesena, una onlus che lavora per diffondere "tecnologie a misura d'uomo". Su questi argomenti mi sono laureato nell'84 in Economia e commercio.





Chi indovina chi è Gianfranco?

nell'anno scolastico 1964/65 -
nella pluriclasse di Molino Cento,

frazione di Cesena?




Biografia sintetica


-Nasce a Cesena nel 1957 da Giorgio e Verdiana, due contadini che lavorano un ettaro e mezzo di terra vicino Molino Cento.

-Da ragazzino entra a far parte degli scout prima come lupetto poi come educatore.

-Nell’84 si laurea in Economia e Commercio con una tesi sulla comparazione fra economia rurale andina e romagnola.

La tesi fece molto discutere la commissione.

Per farla trascorse 6 mesi in Perù studiando e ricercando sugli aspetti umani, tecnologici ed ecologici di quelle popolazioni.

-E’ il primo maestro maschio di scuola materna in Emilia Romagna, lavora per 16 anni nella scuola dell’infanzia a Sorrivoli.

-Nel 1995 diventa dirigente scolastico a Moena, Carpegna, Pennabilli, Rimini, Gatteo, infine Sogliano sul Rubicone.

-Gira mezza Italia per diffondere le idee che ha maturato sulla scuola e l’educazione  (diritti naturali dei bambini e delle bambine, gli orti scolastici, contadinanza attiva ecc.) sia in convegni e conferenze sia come formatore per gli insegnanti

-Fonda il Gruppo ricerca tecnologie appropriate e comunicazione non violenta (GRTA CIN) un’associazione che ha sede a Cesena, che riflette, ricerca e fa divulgazione su temi locali con un orizzonte globale

( inq
uinamento, disparità economiche, giustizia)

-Nel 2003 questa associazione evolve in un luogo concreto, il vecchio ricovero attrezzi del padre, un capannone in eternit che viene riconvertito in una struttura in bioedilizia per diventare un centro di sperimentazione pratica di tecnologie a misura d’uomo (agricoltura biologica, bioedilizia, trattamento delle acque, artigianato ecc.) e una bibblioteca in 5 lingue su questi temi.

-Dal 2008 al 2012 ha lavorato come responsabile dell’Ufficio Scuola del Consolato d’Italia di Belo Horizonte, in Brasile

-Come ogni buon contadino ha seminato generosamente le sue idee ed esperienze e restano oggi numerose pubblicazioni, disegni e migliaia di persone grate.